Featured Video Play Icon

Il 25 ed il 26 maggio 2018 dalle ore 21, a Calderara di Reno nei pressi di Bologna, intervengo con una performance artistica con l’utilizzo di oculus per la realtà virtuale. Il progetto è promosso dalla Casa della Cultura Italo Calvino, per la creazione di un workshop di arte digitale e non solo. Il laboratorio è sperimentale, diretto da me e rivolto a tutti i ragazzi delle medie e medie superiori. 

Da anni ho cercato di proporre a varie realtà sociali l’utilizzo di oculus per la didattica. Le mie esperienze con l’installazione di Medici Senza Frontiere dove erano presenti 10 Samsung Gear, e l’esperienza fatta con i nuovi Hololens di Microsoft per l’installazione per Save The Children in Microsoft House a Milano, mi hanno sempre “solleticato” e spinto a promuovere quelli che spesso consideriamo “aggeggi” infernali come metodo creativo per l’elaborazione di nuove forme di comunicazione. Su tutto quanto verrà realizzato è doveroso un grazie a Giuseppe, Roberto e Veronica di Cronopios che hanno creduto in questa proposta didattica, ed a Mik, che come tecnico mi supporta sempre quando mi avventuro in settaggi o connessioni fra hardware e software senza averne una vera e propria coscienza. A chi mi ripete che “dobbiamo insegnare l’uso del digitale ai ragazzi”, rispondo che semmai da loro dobbiamo imparare. Non ritengo questo device un oggetto “sociale”, ciò nonostante credo fermamente che quando si parte da fondamenta culturali forti, tutto ciò che ha un aspetto “pessimo” si può rivelare una risorsa per pensare, creare e progettare. E tutto ciò, si fa rigorosamente insieme.

Spread the love

LEAVE A REPLY